LE ORIGINI NEOLITICHE DELLE BEVANDE ALCOLICHE

i-vostri-etilometri-non-fermeranno-la-nostra-sete

I vostri etilometri   non fermeranno la nostra sete

 

Il primo incontro dell’uomo con l’alcool, ricavato da frutti fermentati, probabilmente si è verificato solo in modo accidentale. Ma una volta che ebbe acquisito familiarità con i suoi effetti, l’archeologo Patrick McGovern crede che l’uomo non si fermò davanti a nulla nella ricerca di intossicazioni sempre più frequenti.

 

Un approvvigionamento sicuro di alcool sembra aver fatto parte delle ricerche di base della comunità umana molto prima di quanto è stato a lungo creduto. Almeno 9.000 anni fa, gli abitanti del villaggio neolitico di Jiahu in Cina facevano una birra simile all’idromele, con un contenuto alcoolico del 10 per cento, come McGovern ha scoperto di recente.

 

McGovern ha analizzato cocci di argilla trovati durante gli scavi nella valle del Fiume Giallo, in Cina, con le tecniche del suo Laboratorio di Archeologia Biomolecolare per la cucina, le bevande fermentate, e la salute presso il Museo dell’Università della Pennsylvania. Sembra che gli uomini preistorici in Cina combinassero frutta e miele per ottenere una bevanda inebriante. Inoltre, gli steroli vegetali indicano la presenza di riso selvatico come ingrediente.

 

Privi di qualsiasi conoscenza della chimica, gli esseri umani preistorici si eccitavano per gli effetti inebrianti dell’alcool, ricavato apparentemente da grumi misto di riso impastati con la saliva in bocca per sciogliere gli amidi nel cereale e convertirli in zucchero di malto. Questi produttori d’avanguardia avrebbero poi sputato il riso masticato nella loro birra. Bucce e schiuma di lievito galleggiavano sulla parte superiore del liquido, quindi dovevano usare lunghe cannucce per bere da brocche a collo stretto. L’alcool è ancora consumato in questo modo in alcune regioni della Cina.

 

McGovern vede questo processo di fermentazione degli inizi come una strategia intelligente di sopravvivenza. “Zucchero ad alto consumo di energia ed alcool costituiscono una soluzione fantastica per sopravvivere in un ambiente ostile, con poche risorse naturali”, egli spiega.

 

I reperti più recenti provenienti dalla Cina sono coerenti con la catena di prove di McGovern, il che suggerisce che la tecnica per ricavare l’alcool si diffuse rapidamente in varie località in tutto il mondo durante il periodo neolitico.

 

Ma questo non era abbastanza per McGovern, che spingeva la teoria molto più in là. La sua tesi ardita, che egli espone nel suo libro ‘Uncorking the Past. The Quest for Wine, Beer and Other Alcoholic Beverage’, afferma che l’agricoltura – e con essa tutta la rivoluzione neolitica, che ebbe inizio circa 11.000 anni fa – sono in definitiva i risultati dell’impulso irrefrenabile verso il bere e l’intossicazione.

 

“I dati disponibili suggeriscono che i nostri antenati in Asia, Messico e Africa coltivassero frumento, riso, mais, orzo, e miglio soprattutto ai fini della produzione di bevande alcooliche”, spiega McGovern. In questo modo, egli crede, con l’amore del bere, le prime civiltà riuscirono a garantire la sopravvivenza di base.

 

Secondo McGovern, gli esseri umani preistorici inizialmente non avevano la capacità di governare il processo molto complicato della fermentazione. È probabile che i primi agricoltori arricchissero la loro dieta con una broda ibrida – un misto di vino di frutta e idromele – che era effettivamente molto nutriente. I bevitori del Neolitico erano appassionati per questo prezioso liquido.

Presso il sito di scavo di Hajji Firuz Tepe nei Monti Zagros, del nord-ovest dell’Iran, McGovern ha scoperto scaffali vino preistorico utilizzati per conservare caraffe ermetiche. Gli abitanti del villaggio temperavano il loro alcool con resina ricavata da alberi di pistacchio atlantico. Questo ingrediente è ritenuto avere proprietà curative, per esempio per le infezioni, ed è stato usato come un antibiotico primitivo.

 

Gli abitanti del villaggio neolitico vivevano comodamente in spaziose capanne di mattoni di fango, e l’archeologo e il suo team hanno trovato resti di recipienti per il vino nelle cucine di quasi tutte le abitazioni. “Bere non era solo un privilegio dei ricchi del paese, ” propone McGovern.

In Iran lo scienziato americano ha trovato recipienti contenenti la prima prova di fermentazione dell’età preistorica.

In un primo momento egli era perplesso sulle finalità dei recipienti a forma di bulbo con ampie aperture, trovati nel villaggio preistorico Godin Tepe. Tutti i recipienti per il vino, precedentemente conosciuti, avevano bocche più piccole. McGovern era anche perplesso per le scanalature incrociate, graffite nel fondo dei contenitori. Poteva essere una sorta di misteriosa iscrizione?

Ma quando è ritornato in laboratorio, ha isolato ossalato di calcio, noto ai produttori di birra come un sottoprodotto indesiderato della produzione di birra. Al giorno d’oggi, quando si procede alla fermentazione, i cristalli possono prodursi senza alcuna difficoltà. I loro predecessori, ricchi di risorse, 3.500 anni a.C., graffiavano scanalature nei loro recipienti da 50 litri, in modo che le pietruzze che così si formavano potessero essere catturate da quei segni.

 

I contadini antichi Godin Tepe raccoglievano l’orzo dai campi vicino al paese e schiacciavano il raccolto con pietre di basalto. Poi fermentavano il cereale macinato in una notevole gamma di varietà, godendo di una dolce bevanda caramellata dal sapore di birra scura, un altro intruglio del colore ambrato, come la lager, ed altre bevande di degustazione piacevole.

Intorno allo stesso tempo, i Sumeri veneravano la loro dea della fertilità Nin-Harra, che consideravano l’inventore della birra. L’ingrediente principale nella loro varietà di birra era il farro, una varietà di grano che da allora è quasi scomparso.

“Un consumo moderato di alcool è stato vantaggioso per i nostri primi antenati”, afferma McGovern, “e si sono adattati ad esso biologicamente”.

 

Fonet: srs di di Frank Thadeusz dal Spiegel Ondine del (24 Dicembre 2009)

link: http://www.spiegel.de/international/zeitgeist/0,1518,668642,00.html

Fonte: Porta del tempo del 13 gennaio 2010

Link: http://www.laportadeltempo.com/

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: