PROFUGHI: TANTI EINSTEIN O TANTI KABOBO?

(29 gennaio 2016 )

 

“I rifugiati hanno competenze. Essi meritano i nostri sforzi. Einstein era un rifugiato. Non dobbiamo dimenticarlo”, lo ha detto il capo dell’ UNHCR, Filippo Grandi, durante una conferenza congiunta sull’integrazione dei beneficiari di protezione internazionale a Parigi.

 

Avevamo dei novelli Einstein e non lo avevamo capito. Pensa te. E’ noto come Albert passasse le giornate a molestare ragazze nelle piazze di Princeton.

 

Fare questo tipo di analogia tra gruppi differenti che si trovano, casualmente, in condizioni simili, è oggettivamente sciocco, quando poi questa analogia la si fa tra gli Ebrei in fuga dall’Europa durante o poco prima la Seconda Guerra e gli afro-asiatici di oggi è singolare. Per non dire spericolato.

 

Mettendo da parte sia il ragionamento morale (gli africani e tutti i non siriani non scappano dalla guerra) che quello del diritto-dovere di ogni nazione di conservare la propria identità, andiamo a vedere il Quoziente Intellettivo tra gli Ebrei fuggiti dall’Europa (Einstein) e poi tra gli attuali ‘profughi’.

 

qi1

 

L’Africa è una causa persa. La maggioranza dei cosiddetti profughi che arrivano da lì (quasi il 90 per cento in Italia) provengono da Paesi con un QI medio di 70. In Siria va meglio, il problema è che in Europa non arrivano le popolazioni pre-arabe di religione cristiana, ma quelle islamiche sunnite, con un QI medio che è intorno ad 85.

 

Per avere un termine di paragone, in Italia (il dato più elevato in Europa) parliamo di 102/105 a seconda dei misuratori. In Germania siamo lì.

 

Gli Ebrei Ashkenaziti, ovvero quelli vissuti in Europa, hanno un QI medio di 112. I motivi sono dibattuti, ma il più ovvio è l’essere stati sottoposti a ‘pressione evolutiva’ attraverso le persecuzioni secolari. E anche non essersi ‘mischiati’.

 

Voi capite che, ceteris paribus, sarà molto complicato beccare Einstein in un profugo del Gambia, perché i loro geni hanno un QI simile ai nostri poco intelligenti. Quindi, per l’Europa si avvicina un’epoca oscura, una caduta in un medioevo intellettuale che potete trovare nel bellissimo film Idiocracy. Dove il declino del QI causato (anche) dall’immigrazione e dal boom demografico non-bianco viene genialmente camuffato (ma nemmeno troppo) per passare la censura di Hollywood.

 

Tornando a noi. Significa questo che si deve discriminare le persone in base all’intelligenza? Assolutamente no. Ma non venite a raccontarci un futuro di profughi geni, perché non esiste. Ed è bene rifletterci, perché loro ci parlano di Einstein, ma qui arrivano i Kabobo.

 

Fonte: da Identità.com del 29 gennaio 2016

Link: http://identità.com/blog/2016/01/29/profughi-tanti-einstein-o-tanti-kabobo/

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: