QUEGLI ISLAMICI SENZA RISPETTO

Chiesa-San-Zulian-Chiesa-di-San-Giuliano

Venezia. Chiesa di San Zulian

 

Era prevedibile, e bisognava impedirlo. Perché è assolutamente intollerabile. A Venezia c’è una bella chiesa, tra Rialto e San Marco, la chiesa di San Zulian, davanti alla quale passa una fiumana di gente, turisti italiani, europei, immigrati islamici. Molti entrano a visitarla. Gli islamici sono curiosi, ma di una curiosità irriguardosa. Perché ridacchiano, sghignazzano, si indicano uno con l’altro il crocifisso che sta proprio di fronte all’entrata, gli fanno le corna, gli si piazzano davanti per farsi fotografie. Per riderne anche dopo, a casa loro, o nel loro gruppo, vien da pensare.

 

Il parroco non sa come liberarsene. Vorrebbe non accoglierli, ma c’è una raccomandazione del Papa ad accogliere tutti coloro che vogliono entrare. La raccomandazione aggiunge esplicitamente: «Anche i musulmani».

Entrano, dunque, i musulmani, manifestando fastidio per quello che vedono, e una gran voglia di disturbare i riti che vi si svolgono. Vedono la comunione, che è il momento più alto della messa cattolica, quando i fedeli si mettono in fila per ricevere la particola. Anche gli islamici si mettono in fila.

 

Il parroco è imbarazzato, non sa cosa fare, poi spezza una particola e ne dà un frammento a un islamico. Quello si ritira fra i suoi, che ridacchiano. I fedeli cristiani gli chiedono spiegazione di quelle risatine, e poi gli chiedono di restituire l’ostia.

 

Quello la sputa per terra. Costernazione tra i cristiani. Che si chinano, raccolgono il frammento di particola, lo depongono in un bicchiere per conservarlo.

 

A questo punto il parroco chiede aiuto. Dice che non ce la fa più a reggere questi continui oltraggi, queste profanazioni. Lui vorrebbe che un gruppetto di carabinieri in pensione lo aiutasse a tener lontani i disturbatori. Ne ha pienamente diritto. Tuttavia non basta. Il provvedimento dovrebbe essere molto più drastico: è chiaro che questi islamici non sono preparati a uscire dai territori della loro civiltà e a girare per il mondo.

 

Ormai sono qui, ma per un nostro errore, di noi che non riusciamo a bloccare coloro che entrano con la disposizione a insultare la nostra civiltà, la nostra storia, la nostra comunità. Hanno bisogno di aiuto e rispetto, certo. Ma solo se entrando in casa nostra sono pronti a offrire, per primi, il rispetto che si deve all’ospitante. Altrimenti non meritano di restare. I carabinieri in pensione dovrebbero identificarli, e i carabinieri in servizio dovrebbero rimpatriarli. Subito.

 

FERDINANDO CAMON

 

Fonte: da il Giornale di Vicenza del 11 agosto 2016

Link: http://www.ilgiornaledivicenza.it/home/spazio-lettori/blog/editoriale/quegli-islamicisenza-rispetto-1.5060460

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: