POIANO DI VERONA – CHIESA DELL’ALTAROL

poiano-chiesa-altarol.2012.jpg

La chiesa dell’altarol

 

Di un edificio lungo gli argini del progno si trova segnalazione nella carta del 1440 detta dell’Almagià, conservata  in originale a Venezia e in copia alla Biblioteca Civica di Verona.

Alcuni autori parlano di un arco con edicola; la carta dell’Almagià ci restituisce invece la chiara immagine di un piccolo edificio.

Il toponimo  Altarol è attestato nel 1589. Di una immagine dipinta sul muro soprastante  un altare, parla il rapporto del Vescovo Pisani, che attesta la presenza di una cappella o oratorio. Accanto alla chiesa si trovava un cimitero recintato.

Nel 1700 il Vescovo Barbarigo ordina che vengano poste inferriate alle finestre. Il Parroco di Poiano Don Salvagno, provvede al restauro e all’ampliamento una decina d’anni dopo.

Presso l’oratorio, nella parte ampliata, troverà dimora anche un eremita, tal Scandolari.

Nel tempo l’edificio ebbe a subire danni e incurie, tanto da progettarne uno nuovo a fronte del vecchio, dall’altra parte della strada.

 

madonna-altorol-1000

 

Nel 1882 su disegno di Don Donato Gottardi, si posò la prima pietra del nuovo edificio. Come ultimo atto venne staccato l’intonaco con l’affresco della Madonna col Bambino, collocato poi nella nuova chiesa. Era il 16 luglio del 1883.

 

laltarol

La chiesa de L’Altarol, foto 1959. (Archivio Arturo Slemer e figli)

 

La devozione popolare fu  confortata nel tempo da continui miracoli; gli ex voto conservati in Sacrestia testimoniano l’affetto degli abitanti della Valpantena per la Madonna dell’Altarol.

Anche Don Calabria ogni settimana si recava a pregare alla chiesetta, arrivando a Poiano a piedi, attraverso la Castellana, l’antica strada che sale a Castel S. Felice per scendere a Poiano.

La Madonna, proprio per la sua collocazione in un luogo di transito (il guado sul progno), divenne nel tempo la protettrice dei viandanti e oggi dei ciclisti e dei ciclo-escursionisti che qui si fermano per una sosta.

 

altarol-restauro

 

L’aspetto attuale della chiesetta dell’Altarol è dovuto agli ultimi interventi di restauro.

L’interno è stato affrescato nel 1942 dall’artista Giuseppe Resi  (1904-1974) allievo del Miolato. La Madonna all’esterno,  sopra la porta d’ingresso, (restaurata recentemente da Claudio Montoli) è opera del Miolato stesso.

Un restauro del 1883 ha messo in evidenza  la data 1465 sul dipinto della Madonna col Bambino venerata sopra l’altare

 

madonna-altarol-dipinto-rapimento-angiolinaEx voto per il rapimento e la liberazione di Angiolina

 

Uno degli ex voto conservato nella chiesa fu dedicato dalla famiglia Leonardi, a ricordo del rapimento della figlia Angiolina.

II rapimento avvenuto il 23 luglio 1675 della bella Angiolina, figlia unica del ricco mercante Giangiacomo Leonardi ad opera  dei conti Provolo e Zenovello Giusti di Stelle, è entrato nella memoria storica della gente della Valpantena  grazie anche al romanzo storico del 1886 ad opera dell’abate di Poiano,  Pietro Caliari che dimorava nel Palazzetto Rimini.

La leggenda narra che il conte Provolo di Santa Maria in Stelle, con l’aiuto del brigante Falasco, volle organizzare il rapimento di Angiolina di Poiano, figlia di messer Lonardi, ragazza di cui si era invaghito senza essere corrisposto. Un bel giorno, quindi, il conte Provolo, entrato con i briganti in casa di messer Lonardi, rapì la figlia Angiolina fuggendo poi verso Ferrara, lontano dalla Serenissima.

L’intento del conte era di sposare la ragazza di nascosto e forzatamente. Si narra che Angiolina fosse già segretamente fidanzata con il marchese Sagramoso, il quale, venuto a conoscenza dell’accaduto, cominciò ad indagare seguendo le tracce lasciate dalla banda. Con l’aiuto del Cardinal Legato (che governava la città di Ferrara) scoprì dove si trovava Angiolina e la ragazza fu liberata. Il conte Provolo fu arrestato. La banda dei briganti fuggì, ma Falasco venne fermato ed impiccato sotto le mura di Verona mentre cercava di rientrare in città per compiere un’altra sua bravata.

Una recente riedizione a cura della Comunità Parrocchiale di Stelle ha recuperato per noi il ricordo della vicenda. Tanti ebbero modo di ascoltare la storia del rapimento dalla voce degli anziani, che se ne tramandavano il ricordo.

La Madonna nella nicchia sopra l’ingresso è del Miolato mentre l’interno è stato decorato da Giuseppe Resi (1904-1974) allievo del Miolato.

M.V.

 

ex-voto-altarol

 

Nella piccola sacrestia sono conservati gli ex voto che raccontano con la pittura, fatti tragici accaduti sul nostro territorio, per i quali si chiedeva l’intercessione della Madonna. Tra le tante tavolette dipinte anche quella che Messer Leonardi dedicò per la liberazione della figlia Angiola, rapita dai Conti Giusti di Stelle.

 

Fonte: Blog della memoria, del 20 marzo 2011

Link: http://valpantenastoria.blogspot.it/2011/03/chiesa-dellaltarol-poiano.html

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: