I DIPENDENTI PUBBLICI NON PAGANO LE TASSE, LO DICE ANCHE LA MATEMATICA

parassiti

 

 

di GUGLIELMO PIOMBINI

 

Da dove viene, e dove va a finire il denaro pubblico? Poiché il “pubblico” è un’astrazione che non può pagare o ricevere nulla, questo denaro esce sempre dalle tasche private di qualche individuo in carne ed ossa e, gira e rigira, finisce sempre nelle tasche private di qualcun altro.

Osservando più da vicino il percorso che compie il denaro pubblico dal suo prelievo fino alla sua destinazione finale ci accorgiamo che il gettito dello stato proviene dai versamenti effettuati dai contribuenti privati (aziende, professionisti, individui), a proprio nome o come sostituti d’imposta; e termina la sua corsa nei conti correnti di due categorie di persone: una componente fissa di “consumatori di tasse” (il ceto politico-burocratico) e una componente variabile (tutti coloro che, pur non facendo parte dell’apparato statale, ricevono pensioni, sussidi o elargizioni dallo stato).

 

In concreto lo stato incassa l’intero gettito dal settore privato, e lo usa per pagare tutti gli stipendi della pubblica amministrazione. Anche la gente comune dimostra di essere consapevole di questa situazione quando rivolge al funzionario scortese o inadempiente la frase: “Guardi che sono io che la mantengo con le mie tasse!”.

 

I dipendenti dello stato, infatti, pagano le imposte solo in maniera figurativa, attraverso un artificio contabile, ma in realtà neanche un euro entra nelle casse dello stato. È ovvio infatti che se la busta paga di un funzionario statale riporta 40.000 euro di stipendio lordo e 10.000 euro di trattenute, ciò significa che egli riceve dallo stato 30.000 euro e paga zero di tasse. Lo stato usa la ridicola pantomima di indicare il lordo e il netto nella busta paga dei propri dipendenti per gettare fumo negli occhi della gente, allo scopo di far credere che i lavoratori pubblici e quelli privati siano trattati in maniera uguale, ma le cose non stanno così.

 

Lo stato, del resto, non potrebbe mai ottenere delle entrate tassando il settore pubblico, perché questo non produce utili ma solo perdite enormi, e quindi non c’è nulla da tassare. Se domani tutte le aziende italiane chiudessero o emigrassero all’estero, le entrate dello stato scenderebbero ben presto a zero, e non ci sarebbero più soldi per pagare gli stipendi degli statali. Se invece fosse vero quello che dicono i dirigenti sindacali – che gli statali e i pensionati pagano le imposte “fino all’ultimo centesimo” mentre i lavoratori autonomi sono quasi tutti evasori – allora il governo avrebbe a sua disposizione un metodo infallibile per debellare definitivamente l’evasione fiscale e risolvere ogni problema di bilancio: assumere tutte le partite iva come dipendenti pubblici! In verità se si comportasse in questo modo lo stato fallirebbe dopo pochissimo tempo, e questo dimostra che gli statali non pagano tasse ma le consumano.

 

A coloro che non fossero ancora convinti si può porre questa domanda: pagano più tasse i commessi e i barbieri di Montecitorio che guadagnano 150.000 euro lordi all’anno, o gli artigiani e i barbieri sotto casa che pagano il 70 per cento di tasse sui due-tremila euro che riescono a fatturare ogni mese? Se rispondono che pagano più tasse i commessi e i barbieri di Montecitorio, allora giungono alla conclusione assurda che lo stato potrebbe fare il boom di entrate fiscali assumendo tutti i barbieri e tutti gli artigiani d’Italia. Se invece rispondono che pagano più tasse i barbieri e gli artigiani privati, allora ammettono che gli statali pagano le tasse solo sulla carta, cioè per finta.

 

Chi ci guadagnerebbe dall’abolizione delle imposte?

 

Poiché i dipendenti pubblici non pagano tasse, un paese dove tutti i cittadini lavorano per lo stato potrebbe tranquillamente abolirle senza nessuna conseguenza di rilievo sul bilancio statale.

Il precedente storico esiste, dato che nel 1974 il regime comunista della Corea del Nord ha abolito ufficialmente tutte le imposte. L’operazione aveva un fine propagandistico: annunciare al mondo che “in Corea del Nord il popolo è così fortunato da non dover pagare le tasse”. In questo modo, tuttavia, i dirigenti politici nord-coreani hanno involontariamente dimostrato che la partita di giro nella busta paga dei dipendenti pubblici è in verità una … presa in giro. La decisione infatti ebbe solo conseguenze formali, dato che le entrate statali rimasero più o meno invariate. (Qualcuno potrebbe chiedersi da dove provengono allora le entrate dello stato nordcoreano.  Innanzitutto l’intera produzione statale, per quanto scadente, è di sua proprietà e può venderla ai propri cittadini o all’estero; i razzi e gli armamenti di produzione nord-coreana hanno infatti un certo mercato. In secondo luogo esiste un settore privato illegale, ma tollerato dalle autorità, che in realtà paga tasse al governo. Il regime ha dovuto infatti accettare obtorto collo queste aperture al settore privato nel campo agricolo per rimediare alla terribile carestia alimentare degli anni Novanta, che aveva provocato tre milioni di morti).

 

Cosa succederebbe se un futuro governo italiano, magari guidato da Matteo Salvini, decidesse di prendere a modello la Corea del Nord, e azzerasse le aliquote di tutte le imposte? A causa della natura mista, pubblico-privata, della nostra economia le conseguenze sarebbero molto diverse rispetto alla Corea. Alcune categorie di persone ne riceverebbero un vantaggio palpabile. Tutti i lavoratori autonomi e dipendenti del settore privato infatti raddoppierebbero o triplicherebbero immediatamente i propri redditi. Ma che accadrebbe ai dipendenti statali? Anche i loro stipendi lieviterebbero verso l’alto? I primi a dubitarne, in realtà, sono gli stessi membri del ceto politico-burocratico, i quali sanno benissimo che una forte riduzione delle imposte metterebbe a rischio i loro stipendi, i loro vitalizi e le loro pensioni.

 

Infatti non occorrono sondaggi approfonditi per scoprire che gli uomini politici e i burocrati statali rappresentano le categorie più contrarie alla riduzione delle aliquote fiscali, mentre i lavoratori privati, soprattutto quelli autonomi, sono in larghissima misura favorevoli. Viene dunque da chiedersi: si può definire “contribuente” un soggetto che teme di subire una forte perdita economica da una riduzione delle tasse? Ovviamente no, e tutto questo rivela che il dibattito sul fisco è viziato da forti dosi di malafede: molte persone che dicono di “pagare le tasse fino all’ultimo euro” in cuor loro sanno benissimo che, nella realtà, neanche un centesimo passa dal loro portafoglio alle casse dello stato, mentre molte migliaia di euro prendono la strada opposta.

 

I veri evasori totali

In definitiva, la crescita del numero e dei redditi dei lavoratori privati fanno aumentare le entrate dello Stato; al contrario, la crescita del numero e degli stipendi dei lavoratori pubblici fanno aumentare le uscite dello Stato. L’aumento delle “imposte” a carico degli statali può al massimo determinare una riduzione della spesa pubblica, ma in nessun caso può accrescere il gettito dello stato. Si tratta di una pura questione matematica, sulla quale non c’è nulla da discutere.

 

Il fatto che i dipendenti pubblici non contribuiscono alle entrate del bilancio statale non significa necessariamente che svolgono attività inutili. Se escludiamo i casi più eclatanti di parassitismo (politicanti, commessi parlamentari, passacarte, forestali, ecc.) in molti casi i dipendenti pubblici svolgono delle attività in qualche modo utili: si pensi agli insegnanti, ai medici del servizio sanitario nazionale, ai vigili del fuoco, agli impiegati delle poste e così via. Il problema è che è impossibile quantificare la loro effettiva utilità, dato che le loro retribuzioni non provengono da uno scambio volontario con il cliente o con l’utente, ma da un’imposizione coattiva. È comunque innegabile che in molti casi le loro remunerazioni (senza considerare gli altri benefici, come la stabilità del posto di lavoro) siano completamente fuori dagli standard di mercato: nessuna impresa privata potrebbe riservare un trattamento così generoso ai propri dipendenti, senza chiedere in cambio un notevole aumento della produttività.

 

Non basta dunque avere un “posto di lavoro” per poter dire “io pago le tasse”; occorre svolgere un lavoro produttivo. Per questo è paradossale che i fanatici della lotta all’evasione, dell’obbligo di scontrino, della delazione fiscale e della criminalizzazione dei lavoratori autonomi siano in gran maggioranza persone che vivono di risorse pubbliche: uomini politici, dirigenti ministeriali, burocrati, magistrati, titolari di pensioni sganciate dai contributi versati e dipendenti statali in genere.

 

A costoro, ben più che alle partite iva, si addice la qualifica di “evasori totali”, dato che tutte le imposte a loro carico (dirette, indirette e contributi) in ultima analisi vengono pagate con i versamenti fatti dai lavoratori del settore privato. Anzi, sarebbe meglio parlare di evasori al quadrato, dato che non solo non pagano tasse, ma si mettono in tasca pure le tasse pagate da altri!

 

Fonte: da miglioverde del 2014

Link: http://www.miglioverde.eu/i-dipendenti-pubblici-non-pagano-tasse-dice-matematica/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: