Cronaca, Storia e arte - Verona

QUANDO BRUCIO L’ARENA DI VERONA

arena di verona incedio 12 agosto 1962

.

Un aneddoto che pochi ricordano o conoscono. L’anno in cui  è morta   Marilyn Monroe, l’Arena  ha preso fuoco, o meglio hanno  preso fuoco gli  scenari degli spettacoli  lirici. 

Alle 17:20 del 12 agosto 1962, a tre giorni dalla conclusione della stagione lirica, scoppiò un incendio che distrusse la scenografia di “Un ballo in maschera”.  

Gli interpreti della mancata rappresentazione erano: Carlo Bergonzi, Mario Zanasi, Leyla Gencer, Adriana Lazzarini, con la direzione di Gianandrea Gavazzeni.
La stagione lirica venne sospesa anticipatamente mancando ancora le ultime quattro recite.

Dalle poche foto che ho visto, l’incendio era bello tosto, ma noi avevamo i vigili del fuoco ancor più tosti….e voilà:  una cascata di acqua sulle gradinate dell’ Arena e l’incendio, in brevissimo tempo, è stato domato. 

Arrivati sugli spalti,  si sono  detti: “Ce l’abbiamo fatta!…Abbiamo spento tutto! …Ma..ma  abbiamo un problema:    i sa sciopà   i gradini!”.    L’acqua fredda  aveva letteralmente frantumato   i  gradini incandescenti. 

Venne  effettuato,  il restauro   e  la    sostituzione    di tutti i gradini andati a ramengo,  i lavori terminarono nel 1969 …. ..ma nulla fu come prima: né come costruzione né come acustica.

Scuola e istruzione

L’UNIVERSITÀ ITALIANA È LA FABBRICA DEI “PARASSITI PER IL SOCIALE”

universita-1000

.

di MATTEO BERINGHI

Ho assistito ad un dialogo tra studenti di una facoltà di architettura, mentre discutevano di un progetto.

Uno di questi illustrava la filosofia del progetto e ad un certo punto se ne esce con una frase illuminante (poi spiegherò perché questo aggettivo): “Dobbiamo fare in modo di prelevare il 15% del profitto del costruttore e di riutilizzarlo per opere di impatto altamente sociale”. Tra me e me subito mi sono posto una serie di domande:

  • – L’opera in sé non dovrebbe già essere di un qualche impatto sociale?
  • – Perché prelevare ancora soldi dal profitto del costruttore?
  • – Il premio per il rischio d’impresa non deve esistere?
  • – Non sai mio, caro studente, che di quel 15%, l’impresa pagherà il 70% (almeno) di tasse e quindi al costruttore rimarrà il 4,5%?

La frase, definita precedentemente illuminante, mi ha chiarito il futuro dell’Italia. 

Tutto d’un tratto mi sono sentito all’interno del film “Terminator”, quando in numerose scene si vedono robot che costruiscono robot, i quali sono destinati ad uccidere i pochi esseri umani sopravvissuti alla guerra.

Purtroppo le idee dello studente citato non sono un caso isolato. 

Le università italiane stanno forgiando studenti orientati al più becero collettivismo (il fatto che Landini sia considerato un maitre a penser per la stampa italiana è emblematico) più sfrenato (non di certo al capitalismo senza regole)  e circolano in modo massiccio ed incontrastato idee contro il profitto, contro il guadagno che viene visto peggio del vaiolo o dell’ebola e quindi da estinguere. Questi sarebbero i giovani, il futuro dell’Italia. Nel frattempo, i loro docenti fanno la cosa che riesce meglio agli statali, non lavorare: “In 79 atenei scatta il boicottaggio del primo appello della sessione autunnale contro il blocco degli scatti salariali”.

Fonte. srs  di Matteo Berighi, da Miglioverde 

Link: https://www.miglioverde.eu

Economia e lavoro, Persone e personaggi

STEVE JOBS RACCONTATO DA STEVE JOBS

Steve Jobs

Steve Jobs

.

Questo articolo è comparso originariamente sul numero 32 di Wired Italia, a ottobre 2011

I.
La nascita

[Daniel Morrow per Computerworld Smithsonian Awards, 1995] 

Steve, iniziamo con qualche dato biografico.

“Sono nato a San Francisco, California, Stati Uniti, pianeta Terra, il 24 febbraio 1955. Potrei aggiungere un sacco di dettagli, ma dubito che a qualcuno possano interessare”.

[d.m.] Vi siete trasferiti nella Silicon Valley quando avevi sei, sette anni.

“Sì. Era il posto più straordinario del mondo per crescere. Qualche casa più in là della nostra era appena arrivato un ingegnere della Hewlett-Packard, che era un radioamatore. Aveva avuto un’idea bizzarra per farsi conoscere dai ragazzi della zona: aveva messo sul vialetto di casa un microfono elettronico con tanto di batteria e altoparlante, a disposizione di tutti”.

[d.m.] Grandioso.

“Ovviamente ho iniziato a giochicchiarci. Così ho conosciuto quest’uomo, Larry Lang, che mi ha insegnato moltissimo sull’elettronica. Si divertiva a montare gli Heathkit (una serie di prodotti per hobbysti dell’elettronica, ndr), che erano fantastici. In realtà erano più cari del prodotto finito, quando esisteva. Avevano dei manuali dettagliati su come assemblare i pezzi, che erano colorati secondo il tipo e andavano disposti in una maniera precisa. Così costruivi con le tue mani quel che volevi. Capivi che cosa c’era dentro un prodotto finito e come funzionava, perché c’era pure una guida sul funzionamento, ma forse la cosa più importante era che ti facevi l’idea di poter assemblare qualsiasi oggetto. Guardavi un televisore e pensavi: ‘Non ne ho mai costruito uno, ma potrei farlo: ce n’è uno nei kit della Heat’”.

Continua a leggere “STEVE JOBS RACCONTATO DA STEVE JOBS”

Conoscenza, Cultura varia, Persone e personaggi, Religioni credenze e documenti

LE PROFEZIE DI RASPUTIN

rasputin 1000

Grigorij Efimovič Novy, noto come Rasputin 

.

1. 

“…Sento che devo morire prima dell’anno nuovo. Voglio fare presente però al popolo russo, al Babbo, alla Madre della Russia ed ai Ragazzi, che se io sarò ucciso da comuni assassini, e specialmente dai miei fratelli contadini russi, tu, Zar di Russia, non avere paura, resta sul tuo trono e governa e non avere paura per i tuoi Figli perché regneranno per altri cento e più anni. Ma se io verrò ucciso dai nobili, le loro mani resteranno macchiate del mio sangue e per venticinque anni non potranno togliersi dalla pelle questo sangue. Essi dovranno lasciare la Russia. I fratelli uccideranno i fratelli, ed essi si uccideranno l’un l’altro. E per venticinque anni non ci saranno nobili nel Paese. Zar della terra di Russia, se tu odi il suono delle campane che ti dice che Grigorij è stato ucciso, devi sapere questo. Se sono stati i tuoi parenti che hanno provocato la mia morte, allora nessuno della tua famiglia, cioè nessuno dei tuoi figli o dei tuoi parenti rimarrà vivo per più di due anni. Essi saranno uccisi dal popolo russo… Pregate, pregate, siate forti, pensate alla vostra benedetta famiglia.” 

Continua a leggere “LE PROFEZIE DI RASPUTIN”

Archeologia, Storia e arte, Storia Italia

LETTERA DELL’IMPERATORE SETTINO SEVERIO ALLA CITTÀ DI NICOPOLIS

lettera imperatore settimo severo

Lettera dell’imperatore  Settino Severio  alla città di  Nicopolis

Una lettera imperiale dell’Imperatore  Settimio Severo alla città di Nicopolis ad Istrum nell’odierna Bulgariasettentrionale, è stata esposta al pubblico per la prima volta da secoli. 

È l’unica lettera intatta di un imperatore romano mai scoperta in Bulgaria. 

E’ sopravvissuta perché è stata scolpita su una lastra di calcare di 2 tonnellate alta 3 metri. 

L’iscrizione fu riscoperta nel 1923 spezzata. I pezzi sono stati conservati al Museo di Storia di Veliko Tarnovo sin dalla loro scoperta, ma sono stati assemblati solo di recente. 

Gli epigrafi hanno ora tradotto completamente le 37 righe dell’iscrizione e la stele è stata reinstallata nella sua posizione originaria presso il parco archeologico vicino a VelikoTarnovo.

La lastra è stata incisa con il testo della lettera nel 198 d.C. ed è stata eretta nel foro della città in modo che il pubblico potesse leggerla. Ad un certo punto andò distrutta, probabilmente nel V secolo, quando la città fu distrutta da Attila l’Unno.

Continua a leggere “LETTERA DELL’IMPERATORE SETTINO SEVERIO ALLA CITTÀ DI NICOPOLIS”