Regno delle Due Sicilie, Storia, Storia Italia, Storia moderna e revisionismo

IL RISORGIMENTO…TUTTA UN’ALTRA FACCENDA. ECCO LA PROVA!

ricevuta

.

ORA BUTTATE IN DISCARICA LA VOSTRA MISTICA RISORGIMENTALE E TUTTO IL RESTO!

.

I “30 denari “con cui Londra pagó il mercenario Garibaldi, utile idiota, che servì per distruggere l’Italia come idea geografica e culturale unitaria e affossare per sempre la possibile unità federale, che pur muoveva i primissimi passi. 

Ed ecco come un ladro di cavalli ed uno stupratore, che viveva di rapine, tanto da avere un orecchio mozzo che lui copriva a mala pena con i suoi capelli lunghi (in argentina usavano tagliare un orecchio per individuare più facilmente ladri e stupratori), si mise al soldi di uno stupro storico… e da ladro dei due mondi, di là e di qua dell’oceano, lo hanno fatto eroe, impavido e bello. 

Adesso spuntano anche prove DOCUMENTATE che incassava direttamente dagli inglesi i soldi per la “missione” nelle Due Sicilie. Del resto, gli inglesi sono molto bravi a maneggiare denaro e se spendevano tali cifre da capogiro vuol dire che tesoro c’era sotto… .

Il libero e sovrano Stato che gli Inglesi si prestavano a saccheggiare era nato nel 1130, ed era lo Stato più antico della Penisola (fatto salvo lo stato della Chiesa ..( e la Repubblica Veneta)). Il Regno era talmente ricco da sfamare l’Italia intera e alimentare la fame della massoneria internazionale.

CANALE DI SUEZ

Il delinearsi della nuova via, che avrebbe sconvolto la navigazione mondiale, incontrava un problema… il Regno delle Due Sicilie: una banchina nel mezzo del Mediterraneo! 

Agli Inglesi, padroni del mondo, Malta non bastava più, troppo piccola, troppo isola… e avere le Due Sicilie nel bel mezzo del MARE NOSTRUM, voleva dire avere un formidabile competitor! 

Continua a leggere “IL RISORGIMENTO…TUTTA UN’ALTRA FACCENDA. ECCO LA PROVA!”

Storia, Storia Italia, Storia moderna e revisionismo

CHI LIBERÒ VERAMENTE L’ITALIA

25-aprile-liberazione.

.

Si può celebrare in tanti modi la Liberazione dell’Italia nel 1945 ma ci sono dati, numeri e vite che non si possono smentire e che sono la base necessaria e oggettiva per dare una giusta dimensione storica all’evento. Dunque, per la Liberazione dell’Italia morirono nel nostro Paese circa 90mila soldati americani, sepolti in 42 cimiteri su suolo italiano, da Udine a Siracusa. Secondo i dati dell’Anpi, l’associazione dei partigiani, furono 6882 i partigiani morti in combattimento.

Ricavo questi dati da una monumentale ricerca storica, in undici volumi raccolti in cofanetto, dedicata a La liberazione alleata d’Italia 1943-45(Pensa ed.), basata sui Report of Operations di diversi reggimenti statunitensi, gli articoli del settimanale Yank dell’esercito americano e i reportage dell’Associated press. E naturalmente la ricerca storica vera e propria. Più un’ampia documentazione fotografica. L’autore è lo storico salentino Gianni Donno, già ordinario di Storia contemporanea, che ha analizzato i Reports of Operations in originale, mandatigli (a pagamento) da Golden Arrow Military Research, scannerizzati dall’originale custodito negli Archivi nel Pentagono. L’opera ha una doppia, autorevole prefazione di Piero Craveri e di Giampiero Berti e prende le mosse dallo sbarco di Salerno.

Secondo Donno, non certo di simpatie fasciste, il censimento dell’Anpi è “molto discutibile” ma già quei numeri ufficiali rendono le esatte proporzioni dei contributi. Facciamo la comparazione numerica: per ogni partigiano caduto in armi ci furono almeno 13 soldati americani caduti per liberare l’Italia. Senza considerare i dispersi americani che, insieme ai feriti, furono circa 200mila. E il conto risuona in modo ancora più stridente se si comparano i 120mila militari tedeschi caduti in Italia, soprattutto nelle grandi battaglie (Cassino, Anzio e Nettuno) contro gli Alleati e sepolti in gran parte in quattro cimiteri italiani.

Continua a leggere “CHI LIBERÒ VERAMENTE L’ITALIA”

Archeologia, Storia e arte, Storia Italia

LETTERA DELL’IMPERATORE SETTINO SEVERIO ALLA CITTÀ DI NICOPOLIS

lettera imperatore settimo severo

Lettera dell’imperatore  Settino Severio  alla città di  Nicopolis

Una lettera imperiale dell’Imperatore  Settimio Severo alla città di Nicopolis ad Istrum nell’odierna Bulgariasettentrionale, è stata esposta al pubblico per la prima volta da secoli. 

È l’unica lettera intatta di un imperatore romano mai scoperta in Bulgaria. 

E’ sopravvissuta perché è stata scolpita su una lastra di calcare di 2 tonnellate alta 3 metri. 

L’iscrizione fu riscoperta nel 1923 spezzata. I pezzi sono stati conservati al Museo di Storia di Veliko Tarnovo sin dalla loro scoperta, ma sono stati assemblati solo di recente. 

Gli epigrafi hanno ora tradotto completamente le 37 righe dell’iscrizione e la stele è stata reinstallata nella sua posizione originaria presso il parco archeologico vicino a VelikoTarnovo.

La lastra è stata incisa con il testo della lettera nel 198 d.C. ed è stata eretta nel foro della città in modo che il pubblico potesse leggerla. Ad un certo punto andò distrutta, probabilmente nel V secolo, quando la città fu distrutta da Attila l’Unno.

Continua a leggere “LETTERA DELL’IMPERATORE SETTINO SEVERIO ALLA CITTÀ DI NICOPOLIS”

Storia Italia, Storia moderna e revisionismo

QUANTO L’ITALIA VOLEVA INVADERE LA SVIZZERA

“ECCO LE CARTE SEGRETE DEGLI ITALIANI PER INVADERE LA SVIZZERA NEUTRALE”

ZWEITER WELTKRIEG, 2. WELTKRIEG, AKTIVDIENST, GRENZSOLDAT, ISOLATION, NEUTRALITAET, NEUTRALITAETSPOLITIK, SOLDAT,
Landesverteidigung waehrend des Zweiten Weltkriegs (1939-1945) in der Schweiz: Ein Grenz-Soldat im Aktivdienst steht im Winter Wache auf dem Grossen St. Bernhard, undatierte Aufnahme. Die Grenze war geschlossen, die Schweiz aufgrund ihrer Neutralitaetspolitik isoliert. (KEYSTONE/PHOTOPRESS-ARCHIV/Str)

Un soldato svizzero di guardia durante la Seconda guerra nella regione del Gran San Bernardo.

.

Forse qualcuno si sorprenderà scoprendo che, a dispetto di rapporti diplomatici relativamente stabili e sereni, Svizzera e Italia, fin dalla nascita di quest’ultima come Stato unitario nel 1861, hanno sempre ipotizzato e congetturato di doversi affrontare militarmente. La storia di questi piani di guerra d’invasione viene ora svelata attraverso un imponente lavoro di documentazione dallo storico Leonardo Malatesta in un pregevole saggio edito da Dadò. Il Corriere del Ticino ha intervistato l’autore.

Dottor Malatesta, come mai tanta attenzione da parte sua per la Svizzera e per la storia militare dei complicati confini della regione insubrica? Quali sono le caratteristiche più interessanti del nostro territorio e della frontiera sud del nostro Paese dal punto di vista dello studioso e dell’appassionato?

Leonardo Malatesta: L’interesse che nutro per il territorio elvetico, proviene dai miei studi in storia militare, iniziati per il conseguimento della laurea in storia presso l’Università di Venezia. Nel corso della mia tesi, riguardante le fortificazioni italiane ed austriache nella zona tra l’altipiano di Asiago e quelli trentini di Folgaria, Lavarone e Luserna sentii parlare della frontiera con la Svizzera e delle fortificazioni che l’Italia costruì nel primo decennio del Novecento, in Valtellina per difendersi da un eventuale attacco proveniente dalla Confederazione Elvetica. In Italia e anche in Svizzera, ho notato che c’erano delle notizie su questi piani di fortificazione e non solo, ma c’era ancora tanto da approfondire.

Continua a leggere “QUANTO L’ITALIA VOLEVA INVADERE LA SVIZZERA”

Storia Italia, Storia moderna e revisionismo

UNA PALLOTTOLA PER IL GENERALE CANTORE

cantore01

 

Una pallottola per il generale

Era italiano o austriaco il cecchino che il 20 luglio del 1915 sulle Tofane uccise il generale Antonio Cantore? Ed a trapassare il cranio dell’ufficiale fu un proiettile calibro 8 millimetri austriaco o un 6.5 millimetri italiano? A distanza di novant’anni l’interrogativo è ancora aperto.
Il foro lasciato dal proiettile sulla visiera del berretto non basta, da solo, a risolvere l’enigma. Perché il cuoio col passare degli anni si è ristretto ed ora, da quel foro, è impossibile stabilire con certezza il calibro ed il tipo di arma impiegata.
Solo la riesumazione dei resti della vittima, con il relativo esame del cranio, potrebbe eventualmente fornire una risposta certa sul tipo di fucile imbracciato dal cecchino.

 

IL PROIETTILE. Un indizio che tuttavia, per quanto importante, non risolverebbe definitivamente il caso. Supponiamo che venga accertato che ad uccidere il generale sia stato un proiettile calibro 8 partito da un fucile austriaco Mannlicher, anziché un calibro 6,5 esploso dal modello 91 italiano. Ebbene, in tal caso, ci troveremo comunque nell’impossibilità di identificare con certezza la nazionalità e l’autore di quello che qualcuno ha osato beffardamente definire come ‘il più bel tiro della Prima guerra mondiale”, per la precisione millimetrica con la quale andò a segno. Non sfugge una certa macabra ironia, a chi la voglia intendere, sull’obiettivo centrato, per l’appunto il generale Cantore, cioè uno delle alte gerarchie militari accusate all’epoca dai soldati di mandare allo sbaraglio le truppe con assalti alle trincee nemiche su terreno scoperto che risultavano micidiali.
Ma qualsiasi sia stata l’arma usata, dunque, è ancora un giallo sulla morte di Cantore. Si racconta che pochi istanti prima di morire il generale Antonio Cantore, comandante della Seconda divisione della Quarta armata in Cadore, si rivolse ad un soldato che lo invitava a ritirarsi in trincea dicendo: ‘Non è stata ancora fusa la pallottola per me!” e ancora: ‘Tiratori principianti!” riferito ai cecchini austriaci. Bell’uomo, alto, tutto d’un pezzo, coraggioso e sprezzante del pericolo, Antonio Cantore era un militare di vecchio stampo, che si era guadagnato sul campo la seconda stelletta di generale di divisione (equivalente al grado odierno di maggior generale).

 

Continua a leggere “UNA PALLOTTOLA PER IL GENERALE CANTORE”

Regno delle Due Sicilie, Storia Italia

1848, LA GUERRA DI LIBERAZIONE DI MILANO E VENEZIA CONTRO L’AUSTRIA, CURTATONE, MONTANARA E GOITO

Battaglia_di_Curtatone_e_Montanara

 

 

Il 1848 prima guerra di indipendenza ove morirono molti napoletani…ma non è ricordato da alcuno!

 

Tratta da uno scritto di Giacinto dè Sivo, drammaturgo, letterato e storico del Regno delle Due Sicilie, Maddaloni (Regno delle Due Sicilie)

 

– Cari ragazzi,- Esordì il maestro questa mattina, eccomi a voi con il racconto mensile. So che lo stavate aspettando con trepidazione.-

Si fermò per qualche secondo vicino alla cattedra e poi prese il solito grosso libro e lo aprì.
– Come già sapete vi leggerò una storia vera, accaduta circa dieci anni fa nel nostro Stato, ed in Italia del Nord e che è bene che voi conosciate con precisione perché un domani questi eventi potrebbero essere nascosti o camuffati. Noi non possiamo conoscere il futuro, questo no, ma con un po’ di immaginazione possiamo individuarne i possibili sviluppi, e molte volte a pensar male ci si azzecca. Sicuramente siamo parecchio odiati nel contesto europeo, la nostra forza autarchica, il nostro progresso scientifico, la nostra ricchezza ed il nostro assetto sociale ci sono molto invidiati, soprattutto dalla nazione più potente del mondo: l’Inghilterra…chissà. Comunque il 1848 fu un anno orribilis…concessione della Costituzione nel Regno delle Due Sicilie, guerra esterna, guerra interna in Napoli e poi contro Ruggero VII in Sicilia, abolizione della costituzione…un bel ’48!
– Il mio racconto, oltre che dai dati documentali è anche suffragato da una mia personale amicizia con il Dott. Giuseppe Antonio Pasquale Barletta , nostro uomo di primario ingegno che partecipò personalmente alla campagna di Curtatone, Montanara e Goito e pure ebbe qualche comparsa perfino a Venezia.

 

Continua a leggere “1848, LA GUERRA DI LIBERAZIONE DI MILANO E VENEZIA CONTRO L’AUSTRIA, CURTATONE, MONTANARA E GOITO”

Storia Italia, Storia moderna e revisionismo

L’I.N.P.S. FU FONDATO DAL FASCISMO COL NOME I.N.F.P.S. “ISTITUTO NAZIONALE FASCISTA DELLA PREVIDENZA SOCIALE” E OPERAVA ANCHE NELLE COLONIE

infps

 

di  Alberto Alpozzi

 

Breve storia della nascita dell’IN(F)PS “Istituto Nazionale (Fascista) di Previdenza Sociale”

 

La Previdenza Sociale nasce oltre cento anni fa, nel 1898, con lo scopo di garantire i lavoratori dai rischi di invalidità, vecchiaia e morte. Era la Cassa Nazionale di previdenza per l’invalidità e la vecchiaia degli operai. Ma si trattava esclusivamente di un’assicurazione facoltativa e volontaria, finanziata prevalentemente dai contributi versati dai lavoratori, che poteva essere integrata da un contributo di incoraggiamento dello Stato e da un contributo libero da parte degli imprenditori.

 

Non essendo obbligatoria, riscosse adesioni limitate. Venne quindi introdotta nel 1904 l’obbligatorietà per i dipendenti pubblici e nel 1910 per i ferrovieri.

 

Nel 1919, con il governo Orlando, venne istituita la CNAS “Cassa nazionale per le assicurazioni sociali” l’assicurazione per l’invalidità e la vecchiaia. Divenne obbligatoria e riguarderà circa 12 milioni di lavoratori.

 

Nel 1924, il Governo Fascista, costituisce per la prima volta quello che sarà l’antenato del TFR “Trattamento di fine rapporto”cioè un’indennità da concedere al lavoratore licenziato.

 

Nel 1933, con regio decreto legge 27 marzo 1933, n. 371 , la CNAS assume la denominazione di INFPS “Istituto Nazionale Fascista della Previdenza Sociale”, ente di diritto pubblico dotato di personalità giuridica e gestione autonoma. Primo presidente fu Giuseppe Bottai a cui successe nel 1935 Bruno Biagi.

 

Continua a leggere “L’I.N.P.S. FU FONDATO DAL FASCISMO COL NOME I.N.F.P.S. “ISTITUTO NAZIONALE FASCISTA DELLA PREVIDENZA SOCIALE” E OPERAVA ANCHE NELLE COLONIE”

Dominio potere e violenza, Economia e lavoro, Storia Italia

UN SIGILLO PER RUBARE MEGLIO

 

 

imposta-regno-savoia

Imposta Regno di Savoia

 

Non è un segreto che i Savoia abbiano portato in dote alla penisola unificata, una montagna di debiti:  li avevano prima dell’unità;

li hanno incrementati con le campagne militari organizzate per eliminare i legittimi governanti e insediarsi al loro posto;

150 anni più tardi il debito è fuori controllo diventando un buco nero in grado di inghiottire tutta l’Europa.

Ai tempi della Repubblica Veneta le tasse erano al 6%; oggi ci stanno soffocando con una pressione fiscale per le imprese, vicinissima al 70% ma lo negano.

Dal loro arrivo hanno solo pensato come, dove e in quale percentuale apporre nuove imposte e i successori si son dimostrati degni eredi: Imposta sul sale, sui fiammiferi, sull’energia elettrica, sul tabacco, sugli alcoolici, sugli accendini, sui carburanti, sui redditi, sul valore aggiunto, sulla casa, sui capannoni, sui rifiuti … su tutto e senza discontinuità, nemmeno nelle fasi cruciali della storia che hanno visto la trasformazione dell’Italia da Regno a Impero e da Impero a Repubblica.

Mai un momento di tregua fiscale.

 

Continua a leggere “UN SIGILLO PER RUBARE MEGLIO”

Dominio potere e violenza, Storia Italia

MILANO. L’ ECCIDIO DI BAVA BECCARIS DEL 1898

rivolta a milano 1898-alpini

Rivolta a Milano. Alpini a riposo

 

Gli alpini dell’ adunata di Milano 2019   sanno quello che hanno fatto a Milano  nel maggio 1898 i loro  vecchi colleghi?  Perché loro là…vi erano…

Il   “decorato” Fiorenzo Bava Becaris  disse che erano presenti:  “quasi tutti gli alpini del  5° reggimento.

Il  bilancio del massacro fu 82 morti, 450  feriti….

Una delle tante stragi di stato di questo paese.

Questi alpini bevono così tanto da ….dimenticare  quello che è successo?

Fonte: da facebook di Vota franz vive, del 11 maggio  2019

 

 

LE TRE GIORNATE DI MILANO DEL 1898

 

Continua a leggere “MILANO. L’ ECCIDIO DI BAVA BECCARIS DEL 1898”

Storia, Storia e arte - Verona, Storia Italia

25 APRILE 1945: SCOPPIO DEL “FORTE DI CORRUBBIO”

esplosione forte corrubio.a

Sulla destra si vede l’entrata di Villa De Stefani, in fondo al centro la chiesa di San Martino scoperchiata e sulla sinistra i resti di Villa Banda: sopravvive solo la torre colombara circolare e ruderi del muro di cinta.

 

A Corrubbio di Negarine, sotto la collina di Sausto, fin dai tempi antichi furono scavate diverse cave in galleria per estrarre roccia calcarea a nummoliti, la cosiddetta “pietra gallina”, di color giallastro, molto utilizzata ai tempi come materiale da costruzione. Una di queste, abbandonata dal primo dopoguerra, venne utilizzata dall’Esercito Italiano, a partire dal 1938, per lo stoccaggio di armi chimiche e come deposito di carburante. Venne chiamata “Forte Cedrare”, dall’omonima villa ubicata poco più a sud, così chiamata per la presenza di tre grandi cedraie settecentesche, oggi non più visibili.

 

Via Cedrare

Via Cedrare vista dalle scuole elementari. Sul retro delle abitazioni si vede il cratere lasciato dall’esplosione.
Dopo l’8 settembre 1943 la polveriera venne occupata dai tedeschi, che in quei giorni si stanziarono in maniera massiccia in tutta la zona, utilizzando strutture come Villa Amistà, Villa Giona e Villa Betteloni come sede di comandi. Durante la loro presenza, i tedeschi riempirono il “Forte” con munizioni e materiale bellico di ogni tipo.

 

La collina di Sausto

La collina di Sausto dopo lo scoppio.

 

Negli ultimi giorni della guerra, le truppe tedesche erano in ritirata e allo sbando più totale, incalzate dalle truppe alleate (americani e britannici) che dopo la caduta di Bologna del 21 aprile dilagarono rapidamente per tutta la pianura padana. Nonostante il clima di generale confusione, venne dato l’ordine da Berlino di far saltare tutti i depositi di esplosivo che si trovavano sul territorio della Valpolicella, per paura che cadessero in mano alleata. Oltre a Corrubbio, anche altre polveriere erano presenti sul territorio, come quelle di Gargagnago e di Avesa.

 

scuola elementare

Veduta da Sausto verso Corrubbio dopo lo scoppio. L’edificio che si vede al centro quasi integro è la scuola elementare.

 

La notte del 25 aprile, intorno alle ore 22.30, il “Forte” venne fatto scoppiare con tutto il suo contenuto. L’esplosione fu tremenda e in tutta la Valpolicella venne percepita come un terremoto. Mezza collina, per un fronte di circa 100 metri, una profondità di 80 metri ed un’altezza di circa 30 metri (240 mila metri cubi di roccia) saltò per aria. Seguì una tempesta di macigni e poi una nuvola nera, e una pioggia di polvere e sassi che durò per giorni. Corrubbio venne quasi rasa al suolo, morirono 28 civili e 7 militari tedeschi identificati, più parecchi soldati tedeschi seppelliti in fosse comuni e non identificati. Una donna venne uccisa dalla caduta di un masso a Settimo di Pescantina, due chilometri a sud dello scoppio. Una delle più antiche ville a portico e loggia della Valpolicella, Villa Banda, venne distrutta.

 

salita per sausto

All’inizio della strada in salita per Sausto.

 

Le testimonianze raccontano che la popolazione era stata avvertita poche ore prima dagli stessi tedeschi che il deposito sarebbe stato fatto saltare. Si narra, infatti, che il rapporto tra occupati e occupanti fosse sempre stato buono, basato sul reciproco rispetto. I militari tedeschi aiutavano la gente del posto nella vendemmia e in altre incombenze, le donne del paese lavavano e stiravano le loro divise e cucinavano per loro. Ci furono delle vittime civili probabilmente perché alcuni non vollero abbandonare le loro proprietà e le loro cose, o perché l’allarme non fu preso veramente sul serio: era infatti quella di Corrubbio una zona dove il suono delle sirene era all’ordine del giorno, data la vicinanza alla ferrovia del Brennero e quindi la forte esposizione a possibili bombardamenti.

 

Veduta dello scoppio dalla Osteria Al fischio ,

Veduta dello scoppio dalla storica Osteria “Al fischio”, che si trovava sulla strada per Castelrotto, 100 metri dopo Villa Amistà.

 

Oggi, un monumento posto al centro della piazza principale del paese, ricorda il tragico evento. Nel 2008 la popolazione venne insignita della Medaglia di bronzo al merito civile, per aver offerto “un’ammirevole prova di generosa solidarietà, prodigandosi nel recupero delle salme e nel soccorso dei feriti, dando un nobile esempio di spirito di sacrificio e di amor patrio”.

 

BIBLIOGRAFIA: L. Ferrari – C. Battistella, La luna si oscurò, 2009.
FOTO: gentile concessione di Giuseppe Galvani

 

Fonte: da  Facebook  CTG Valpolicella Genius Loci

Link: https://www.facebook.com/ctgvalpolicellageniusloci/posts/10155316345651825