IN UN’AUTOBIOGRAFIA LE ULTIME ORE DI HITLER: “L’HO VISTO MORIRE E HO PRESO A SCHIAFFI IL FIGLIO DI GOEBBELS”

Johanna Ruf

 

 

Ha visto Adolf Hitler piantarsi la canna di una pistola sulla tempia e spararsi un colpo per farla finita, dopo aver vissuto a stretto contatto nel bunker in cui il Führer trascorse gli ultimi mesi di vita, mente il terzo Reich e la potenza del nazismo andavano sgretolandosi. Johanna Ruf, la quindicenne che si rinchiuse nel rifugio dei nazisti insieme ai gerarchi del regime racconta ora i dettagli degli ultimi giorni prima della fine, in un’autobiografia che farà molto parlare di sé.

 

La donna ha ora 88 anni ed è l’ultima sopravvissuta tra le persone che si proteggevano nel famoso bunker della capitale tedesca. All’epoca della Seconda guerra mondiale, Johanna era un’adolescente e prestava servizio come infermiera, tentando di curare i soldati feriti nei combattimenti di Berlino. “Goebbels mi diceva che la battaglia finale era alle porte” racconta la Ruf. Un errore di valutazione clamoroso da parte dell’uomo che era incaricato di guidare la difesa della capitale.

 

L’autobiografia altro non è che la raccolta dei diari scritti dall’allora ragazza nel 1945 e verrà pubblicata a breve in Germania e poi in tutto il mondo. Si tratta di un racconto quotidiano di quanto accadeva all’interno del “cerchio magico” nazista, rinchiuso nel bunker.

“Ho anche schiaffeggiato il figlio di Goebbels, Helmut, ci aveva provato con me” ricorda la Ruf. Ed è proprio questo episodio a dare il titolo al libro, Uno schiaffo in faccia al piccolo Goebbels.

 

Continua a leggere

I RIPETITORI TELEVISIVI DEL MONTE STOZE ( STOSSE ) DI VELO VERONESE

velo-veronese-monte-stoze-ripetitori.1000

I ripetitori televisivi del Monte Stosse

 

 

Monte Stoze -Velo Veronese (VR) – LATITUDINE: 45°36′ 4″ LONGITUDINE: 11°5′ 34″ Alt. Mt. 1137

 

Monte Stoze, se si esclude il Monte Venda che trasmette i canali Rai, è di sicuro la postazione più importante per la ricezione Tv nel Nord Italia.

La storia di Monte Stoze nasce leggermente dopo quella di Monte Calvarina. Ma se questa postazione è storicamente seconda nella graduatoria temporale, rimane la numero uno per i servizi che reca a Lonigo.

La Tv Svizzera fu probabilmente la prima emittente a trasmettere dal Monte Stoze, affiancata dopo un pò da Tele Monte Carlo. La tv Svizzera si riceveva convertita sul canale H2 (l’attuale 12) mentre Montecarlo sul 35.A quel tempo le prime private veronesi trasmettevano da Torricelle di Verona.

La prima tv privata ad affacciarsi a Velo fu Tele Verona sul ch 69 (Che sarebbe poi stata assorbita da rete4).

Più tardi la prima trasmissione potente che si prendeva anche con un antennino da interno fu il canale 36 di Telemilano58 (la futura Canale 5).

Continua a leggere

STEFANO MONTANARI: STIAMO VINCENDO

Stefano-Montanari-400px

 

 

Stiamo vincendo

 

Senza falsa modestia, siamo davvero importanti.

 

La signora Lorenzin, la ministrina dell’ospedale che per motivi misteriosi siede non solo in parlamento ma sul trono del ministero della salute, è in delirio: le nanoparticelle, roba piccina picciò che non si è mai dibattuta nei salottini mondani dove di sorbisce il tè al gelsomino e si mangiano dolcetti, la perseguitano e i suoi consiglieri e manutengoli, pieni di conflitti d’interesse più di quanto non sia un cane di pulci, ignoranti e furbetti ma, ahimè, non propriamente intelligenti, non sono capaci di controbattere altro che con strilli isterici e zappate sui loro stessi piedi.

 

È terribile: il seguito d’imbecilli su cui si basava il Beatrice-pensiero si sta vistosamente assottigliando e c’è addirittura di che rischiare la poltrona per le prossime elezioni. E che dire degli scienziati di regime, quelli che insegnano (?) in università nate or ora dal nulla e saliti senza alcun concorso o cursus honorum et studiorum in cattedra? E di quelli che non sono nemmeno a quel pur miserabile livello?

 

(http://www.informarexresistere.fr/vicepresidente-commissio…/). Vabbè: c’est la vie.

 

Ai numeri di arte varia della signora Lorenzin si aggiunge una bella lista di esibizioni che, lo confesso, mi divertono e, lo ammetto, mi riempiono d’orgoglio: stiamo vincendo.

 

L’Università di Urbino, la gloriosa istituzione che con il comico Grillo Giuseppe da Genova e la dama di carità Bortolani Marina da Reggio nell’Emilia ci sottrasse il microscopio tenendolo accuratamente inattivo 18 mesi per poi sbolognarlo all’ARPAM di Pesaro, ora sta cercando goffamente di ostacolare le ricerche che continuiamo a condurre nonostante loro, vedi quelle sulle leucemie. Su quei personaggi ci sarebbe da scrivere un libro o, almeno, qualche capitolo di un libro, e non è escluso che lo farò. Allora ci sarà di che divertirsi.

 

Continua a leggere

PIETRO PERRINO, GENETISTA CNR “NON SONO STATE LE VACCINAZIONI DI MASSA A SALVARCI DALLE MALATTIE INFETTIVE, MA LE CONDIZIONI IGIENICHE E L’USO DI ACQUA POTABILE.”

Pietro Perrino.1000

Pietro Perrino

 

 

Ill.ma Ministra Lorenzin,
sono un Genetista, già ricercatore del CNR, che ora si occupa a pieno tempo di salute.
Sin dagli anni ’70, mi sono interessato di vaccini. Da favorevole sono diventato contrario. Sono stato convertito dalle conoscenze. Sono tante, ma per ragioni di spazio cito le principali.
Non sono state le vaccinazioni di massa a salvare l’umanità dalle malattie infettive, ma le condizioni igieniche e l’uso di acqua potabile. Le vaccinazioni di massa sono arrivate dopo. Le case farmaceutiche hanno fatto di tutto per farci credere il contrario, tanto che la maggior parte della gente se n’era convinta.
Fortunatamente c’è anche molta gente che non la pensa così, in quanto ci sono molti bambini morti o comunque danneggiati dalle vaccinazioni. I vaccini preparati per le vaccinazioni di massa non hanno nulla in comune con i vaccini di una volta: preparati in tempo reale e somministrati con modalità più vicine a quello che faceva la natura.
La gente non si fida dei vaccini moderni perché sono sporchi: contengono pezzi di DNA estraneo e inquinanti vari che causano patologie varie, quando non la morte immediata. A ciò si aggiunga che il virus o il batterio, dopo la manipolazione non sono più quelli selvatici, ma spesso, dipende dal trattamento, sono mutati e quindi possono essere più virulenti e più pericolosi o meno virulenti e quindi addirittura non efficaci. Questi fatti insieme alla genetica dei soggetti vaccinati produce effetti diversi, che vanno, appunto, dalla morte allo sviluppo nel tempo di diverse patologie.

 

Continua a leggere

IL VACCINO MORBILLO PAROTITE ROSOLIA IN UNA RAGAZZA DI 30 ANNI

vaccino-morbillo-parotite-rosolia-in-una-ragazza-di-30-anni_4264

 

 

di Roberto Gava

 

Effetti del vaccino MPR in una ragazza di 30 anni

 

Quando un adulto mi chiede se può essere vaccinato, gli rispondo che, se sta bene, se si nutre in modo sano e non sta passando in quel periodo stress pesanti, può anche vaccinarsi… se si è informato dei “pro” e dei “contro” ed è convinto che sia utile per lui vaccinarsi.

 

Purtroppo non è sempre questa la risposta che dovremmo dare, perché credo sia bene richiedere anche per l’adulto qualche esame che verifichi il buon funzionamento del sistema immunitario (tipizzazione linfocitaria, omocisteina, vitamina D, ecc.), l’assenza di indici di flogosi (VES, PCR, elettroforesi proteica, ecc.), adeguati assunzione e assorbimento intestinale delle sostanze nutrizionali essenziali per l’organismo (specie vitamine, minerali, acidi grassi polinsaturi), oltre ad una approfondita raccolta della storia psico-fisica personale e familiare della persona.

 

Un esempio inoppugnabile che tutto questo sarebbe essenziale mi è giunto in questi giorni dalla lettera che mi ha scritto una giovane donna di trent’anni che prima del vaccino aveva una vita molto intensa sia dal punto di vista lavorativo che sportivo, andava in montagna ad alta quota senza alcun problema e bastava guardarla per immaginare che fosse, oltre che bella, anche piena di energia, vigore e giovinezza … però poi un giorno accetta di vaccinarsi, e tutto il suo bellissimo mondo improvvisamente crolla.

 

Ecco la sua lettera:

 

Caro Dottore, mi sono vaccinata con MPR Priorix esattamente 2 anni fa, quel maledetto 11 settembre 2013. Da piccola avevo avuto la parotite ed ero già stata vaccinata per il morbillo. Lavoro nel campo delle adozioni internazionali, quindi sono in contatto quotidiano con bambini stranieri provenienti da zone e soprattutto condizioni non eccellenti. Pertanto, sono stata definita un ‘soggetto a rischio’. Io ero molto reticente all’idea di vaccinarmi, ma il ‘sistema’ mi ha fatto sentire sbagliata ad essere così timorosa nei confronti del vaccino. Così, avvertendo la pressione della responsabilità di rischiare di contrarre la rosolia in gravidanza, ho deciso di vaccinarmi.

 

Continua a leggere

FOLLA A TERRALBA PER L’ULTIMO SALUTO ALL’INDIPENDENTISTA DODDORE

doddore-terralba-372x221-SARDINIAPOST

 

 

Un lungo applauso e il grido di “Libertà” e “Indipendentzia” con le bandiere dei quattro Mori, di Malu Entu e anche quelle col Leone di San Marco della Serenissima che garrivano al vento per l’ultimo saluto a Doddore Meloni, l’indipendentista sardo morto il 5 luglio in stato di detenzione al’Ospedale Santissima Trinità di Cagliari dopo 67 giorni di sciopero della fame e 35 della sete. I funerali si sono svolti questo pomeriggio a Terralba (Oristano), dove viveva con la famiglia, nella Cattedrale di San Pietro gremita di gente arrivata un po’ da tutta la Sardegna.
Doddore aveva espresso il desiderio di essere seppellito con il costume tradizionale di Ittiri, il paese in provincia di Sassari dove era nato 74 anni fa e che aveva lasciato da giovanissimo per trasferirsi a Terralba. In costume sardo, dietro la bara, anche la moglie Giovanna che stringeva al petto la fotografia di Doddore e le figlie, e dietro ancora il popolo di militanti della Repubblica indipendente di Malu Entu proclamata da Meloni nel 2008 – dopo l’occupazione dell’isola di Mal di Ventre – e decine e decine di indipendentisti con le loro bandiere.

 

Continua a leggere

MINISTRO LORENZIN, FIRMI QUI

lorenzin2

 

 

Lettera aperta al Ministro della Salute

 

Gentile Ministro Lorenzin,

 

Lei condivide, insieme a gran parte dell’accademia scientifica, la posizione che “i vaccini sono sicuri“, e che “non esiste correlazione fra vaccini pediatrici e gravi disordini di tipo neurologico, come ad esempio l’autismo o altre malattie dello sviluppo“.

 

E ora il suo governo vuole introdurre l’obbligatorietà vaccinale a livello nazionale, triplicando nel contempo il numero dei vaccini obbligatori. Poichè l’imposizione di un obbligo di questo tipo comporta anche delle responsabilità da parte di chi lo impone, la invitiamo a dimostrare con i fatti ciò che finora ha sostenuto a parole, firmando pubblicamente la dichiarazione che segue.

“Io sottoscritta Beatrice Lorenzin, in qualità di Ministro della Salute della Repubblica Italiana, mi assumo personalmente ogni responsabilità per eventuali danni di tipo neurologico, certificati da un tribunale della repubblica, che potessero derivare dall’inoculazione vaccinale obbligatoria ad un qualunque bambino italiano”.

 

In questo modo non solo potrà rassicurare tutte le mamme italiane che oggi si preoccupano per la salute dei propri figli, ma potrà anche fugare il diffuso sospetto che l’introduzione dell’obbligo vaccinale (con contemporanea triplicazione del numero minimo) non sia affatto una esigenza di tipo sanitario, ma piuttosto un grosso regalo fatto dal nostro governo alle case farmaceutiche.

 

(A proposito, ogni volta che ripete pubblicamente che “i vaccini saranno gratuiti“, si ricordi anche di specificare che saranno certamente gratuiti per chi effettua la vaccinazione, ma che il costo di tali vaccinazioni sarà comunque pagato alle case farmaceutiche dallo stato italiano, e quindi da tutti noi cittadini.

Da una parte quindi ci obbligate a vaccinarci, e dall’altra ci obbligate a pagare, con i soldi delle nostre tasse, il conto – triplicato – alle case farmaceutiche).

 

Massimo Mazzucco

 

Fonte: srs di Massimo Mazzucco, da Luogcomune.net del 20 maggio 2017

Link: https://www.luogocomune.net/LC/index.php/21-medicina-salute/4678-ministro-lorenzin-firmi-qui