DALLA LESSINIA, LA SCARPA PER LO SPAZIO.

grigua-spazio.1024x768

 

Si chiama Grigua e viene prodotta a mano dal calzaturificio Gaibana di Corbiolo.

 

Inventata nel 1998 dai fratelli Vinco di Bosco Chiesanuova per il torrentismo, da sei anni questa particolare calzatura è la scarpa ufficiale dell’ESA, l’Agenzia spaziale europea della NASA. Viene utilizzata per gli addestramenti nelle cavità più profonde della terra. La indossano gli astronauti di tutto il mondo.

 

Sono lì, posizionate all’interno di una teca verticale multipiano in vetro trasparente, assieme alle immagini autografate del canadese Jeremi Hassen, degli italiani Paolo Nespoli e Luca Parmitano, o della statunitense Jessica Meir. Stiamo parlando delle scarpe tecniche artigianali Grigua, prodotte a mano, una a una, dai fratelli Daniele, Pierangelo e Roberto Vinco del calzaturificio Gaibana di Corbiolo, e utilizzate dal 2013 dai più noti astronauti dell’ESA, l’Agenzia spaziale europea della NASA.

 

Calzature speciali, dicevamo, nate nel 1998 per il torrentismo e scoperte dall’ESA circa sei anni fa grazie allo speleologo veronese di fama mondiale Francesco Sauro, che le ha mostrate agli astronauti per la prima volta, indossandole, durante una delle sue frequenti esplorazioni nelle cavità più nascoste della Terra.

 

Cavenauts_2016_day_5-1024x768

 

«Francesco ci disse che rimasero molto colpiti da questa scarpa particolare che realizzammo per la prima volta quasi vent’anni fa per il torrentismo – racconta Daniele Vinco – Si tratta di una calzatura tecnica che richiede 54 passaggi durante la lavorazione, effettuata tutta rigorosamente a mano, e che deve la sua fortuna all’insieme degli elementi innovativi che la compongono, in particolare alla suola».

 

«Quando ci fu comunicato l’interesse da parte dell’Agenzia spaziale europea nei confronti di questo nostro prodotto, rimanemmo sbalorditi, senza parole – prosegue ancora emozionato Daniele – L’astronauta statunitense Michael Reed Barratt ha presentato una relazione sulle scarpe direttamente alla NASA. Una cosa straordinaria».

 

Da cinque anni circa ad oggi, una ventina di astronauti hanno indossato le Grigua per gli addestramenti nelle caverne per prepararsi alle missioni nello spazio. Un rapporto di collaborazione formale, ma di stima reciproca e di elevata professionalità tra l’ESA e il piccolo grande laboratorio artigianale della Lessinia.

 

«L’Agenzia spaziale ci invia i numeri di scarpe dei loro astronauti con le misure in millimetri, noi le confezioniamo anche in base tipologia di piede (egizio, greco, romano, dal collo alto o basso…) tenendo conto dei minimi particolari. – aggiunge Daniele – In queste operazioni anche un solo millimetro può fare la differenza».

 

«L’ultima spedizione, per Jessica Meir, l’abbiamo effettuata dall’ufficio postale di Bosco Chiesanuova: ci teniamo che le calzature utilizzate da un ente così importante partano da qui, dal paese in cui siamo nati e dove nostro padre Vincenzo, tanti anni fa, cominciò l’attività prima di cederla a noi figli».

 

Alcune paia, una volta utilizzate, vengono rispedite in laboratorio. Qui vengono analizzate, centimetro per centimetro, alla ricerca di spazi di maggiore usura, di segni da interpretare per capire il tipo di utilizzo e le correzioni da effettuare per il singolo astronauta.

 

«Le analizziamo, andiamo alla ricerca di tutti i dettagli per migliorare la volta successiva. C’è uno scambio di informazioni, riservate, tra noi e l’Agenzia per arrivare al risultato migliore e più performante. La soddisfazione maggiore l’abbiamo quando le paia di scarpe ritornano autografate, magari con le congratulazioni degli stessi astronauti. Questo ci ripaga davvero di tutto l’impegno che mettiamo nel nostro lavoro».

 

Gaibana non è nuovo alla realizzazione di scarpe speciali.

 

Un primo prototipo di calzatura particolare fu scelto oltre 15 anni fa dalla squadra di elisoccorso di Milano ed oggi l’ES118HT e ES118 Hovering  sono le calzature ufficiali di molti Pronti Emergenza d’Italia.

 

«Per realizzare questi dispositivi di sicurezza abbiamo cercato di mantenere intatte le caratteristiche di solidità tipiche dello scarpone da alpinismo e di trekking, adattandole però alle esigenze professionali degli enti in questione. Ad esempio, la scarpa ES118 Hovering ha una cavigliera più morbida che non va a stressare i tendini o a ingombrare gli autisti delle ambulanze quando si trovano alla guida del mezzo.

 

«Tutte le informazioni, gli accorgimenti, le idee che nascono grazie a queste collaborazioni speciali, con l’ESA e con le altre realtà istituzionali con le quali operiamo – conclude Daniele Vinco – ci permettono di migliorare giorno dopo giorno e di inserire nei nostri prodotti elementi preziosi e sempre più innovativi».

 

Fonte: srs di Matteo Scolari, da PANTHEON 2017

Link: https://verona-pantheon.com/futuro/innovazione/lessinia-scarpa-spazio/

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: